gototopgototop
 screen         carattere         colore           contrasto           
Effettua il login per acquistare

RICERCA PER CATEGORIA

EDITORI



Cerca periodico

Autore - titolo


VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

Ai sensi della normativa internazionale sui cookies vi informiamo che questo sito o gli strumenti di terze parti da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di condizioni di fornitura e privacy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera si acconsente all'uso dei cookies. Ezpress non memorizza i dati di navigazione nè usa cookies a fini promozionali o commerciali

LIBRERIA arrow ARCHITETTURA arrow Studio e Insegnamento arrow Lo studio per villa di Antonio Sant'Elia: Milano, Vienna, Roma e


Lo studio per villa di Antonio Sant'Elia: Milano, Vienna, Roma e
Clicca per visualizzare
la copertina e il sommario


Lo studio per villa di Antonio Sant'Elia: Milano, Vienna, Roma

Versione Digitale

Gangemi Editore
ezPrice: €6,99



Autore: Raffaele Giannantonio

Editore: Gangemi Editore


Nel numero 1 della seconda annualità, datato 1° gennaio 1909, la rivista La Casa pubblica i disegni di uno «studio per villa» inviati «dal signor Antonio Sant'Elia – Milano» con «brevi parole di commento». Il lavoro si compone di tre tavole grafiche, due delle quali (la prospettiva di scorcio dell'esterno intitolata veduta d'insieme (fig. 1) e quella centrale dell'interno che descrive una parete della sala da pranzo) vengono recensite dalla redazione, che invece ignora del tutto la pianta del piano terra (in scala 1:200). Va subito notato come i disegni presentino evidenti approssimazioni, forse espedienti adottati per evitare scorci eccessivi. Nella veduta esterna, la piscina in primo piano è infatti rappresentata con uno dei due lati parallelo alla cornice della tavola, ma, risultandone sconosciuta la geometria d'impianto (rettangolare o meno), ogni osservazione in merito al disegno resta sospesa. Insolita è inoltre la rappresentazione del fianco destro dell'edificio, i cui piani non hanno il medesimo punto di fuga. Altrettanto insolita risulta la quota dell'osservatore che viene posta a circa 4 m, specie in considerazione dell'altezza di circa 50 cm di una delle fasce della zoccolatura; tale scelta sembra motivata dal fatto che ad altezza normale non sarebbero risultate visibili le aperture sulla terrazza. A ciò va aggiunto il fatto che la pavimentazione perimetrale della villa presenta fughe tra loro equidistanti, quasi si trattasse di una costruzione assonometrica. Analoghe incongruenze si rilevano nella prospettiva centrale della sala da pranzo (fig. 2), in cui appare evidente l'aberrazione della trama a scacchiera del tappeto, disegnata in modo da evitare eccessive deformazioni dei quadrati che la compongono. Altre aberrazioni sono presenti nella medesima tavola: le linee oblique non hanno tutte il medesimo punto di fuga (come rivelano i bordi superiori delle poltrone, i bordi del tappeto e quelli della stanza) ed inoltre la profondità del «cantuccio per il focolare» non ha corrispondenza in alto, mancando di qualunque accorgimento prospettico. La fascia decorata che lo adorna risulta infine più alta rispetto a quella prossima alla parete.







ENTRA E GUARDA LE NOSTRE VETRINE

ezPrice
€9,99
ezPrice
€4,99
ezPrice
€12,99


SCOPRI LE FUNZIONALITA' DI EZPRESS


RICARICA

PREVIEW

RISPOSTE

REGALA

FUNZIONALITA' RISERVATE AGLI UTENTI REGISTRATI


EZCLOUD

SCRIVICI

ACCOUNT

EZCHECKOUT