gototopgototop
 screen         carattere         colore           contrasto           
Effettua il login per acquistare

RICERCA PER CATEGORIA

EDITORI



Cerca periodico

Autore - titolo


VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

Ai sensi della normativa internazionale sui cookies vi informiamo che questo sito o gli strumenti di terze parti da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di condizioni di fornitura e privacy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera si acconsente all'uso dei cookies. Ezpress non memorizza i dati di navigazione nè usa cookies a fini promozionali o commerciali

LIBRERIA arrow FILOSOFIA arrow Politica arrow Le pecore e il pastore


Le pecore e il pastore
Clicca per visualizzare
la copertina e il sommario


Le pecore e il pastor

Versione Digitale

Liguori Editore
ezPrice: €11,99



Autore: Lorenzo Bernini

Editore: Liguori Editore


Michel Foucault è senza dubbio uno dei filosofi del Novecento che più ha influenzato il pensiero contemporaneo: la sua opera è oggi oggetto di studio tanto in ambito storico e sociologico, quanto nella critica artistica e letteraria, quanto, ancora, nella riflessione sui saperi psicologici e sulle scienze umane. Ma Foucault è stato anche, e soprattutto, un filosofo della politica.Evidenziando i suoi debiti verso i “maestri del sospetto” Nietzsche, Marx e Freud, ricostruendo la sua critica del marxismo e del liberalismo, analizzando le nuove categorie interpretative da lui coniate in alternativa al concetto di sovranità (potere disciplinare, biopolitica, governamentalità, potere pastorale), questo libro ritrae Foucault come l’attore di un gesto filosofico-politico paradossale, teso a decostruire le pretese di verità avanzate dalle teorie politiche del suo tempo senza cercare a sua volta giustificazione in alcuna verità fondativa. Con l’intenzione non di risolvere, ma di oltrepassare i paradossi di Foucault – dopo aver operato una dettagliata disamina della letteratura critica prodotta sul suo pensiero, e in particolare delle obiezioni di Jürgen Habermas –, nelle conclusioni l’autore utilizza la teoria del giudizio di Hannah Arendt per indagare la possibilità di fondare l’azione politica su un principio di giustizia pensato non nella forma epistemica della verità, ma nella forma estetica della bellezza.







ENTRA E GUARDA LE NOSTRE VETRINE

ezPrice
€4,99


ezPrice
€4,99


ezPrice
€1,99


ezPrice
€9,99


ezPrice
€32,99


ezPrice
€19,99




SCOPRI LE FUNZIONALITA' DI EZPRESS


RICARICA

PREVIEW

RISPOSTE

REGALA

FUNZIONALITA' RISERVATE AGLI UTENTI REGISTRATI


EZCLOUD

SCRIVICI

ACCOUNT

EZCHECKOUT