gototopgototop
 screen         carattere         colore           contrasto           
Effettua il login per acquistare

RICERCA PER CATEGORIA

EDITORI



Cerca periodico

Autore - titolo


VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

Ai sensi della normativa internazionale sui cookies vi informiamo che questo sito o gli strumenti di terze parti da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di condizioni di fornitura e privacy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera si acconsente all'uso dei cookies. Ezpress non memorizza i dati di navigazione nè usa cookies a fini promozionali o commerciali

LIBRERIA arrow SCIENZE POLITICHE arrow La scuola distrutta ePub
UID 2019 - Riflessioni: l'arte del disegno/il disegno dell'arte Per farla finita con il giudizio di dio ePub

La scuola distrutta ePub
Clicca per visualizzare
la copertina e il sommario


La scuola distrutta

Versione Digitale ePub

Mimesis Edizioni
ezPrice: €19,99



Autore: Stefano d’Errico

Editore: Mimesis Edizioni


Dalla “carta dei servizi” dell’industriale Lombardi (ministro nel 1995), con lo studente- cliente e le lettere anonime per valutare gli insegnanti, tutto è diventato “normale”. Normale, con Berlinguer, pareggiare lacune in matematica con “crediti” in educazione motoria, la Gelmini che s’inventa un “tunnel dei neutrini” dall’Aquila alla Svizzera e la Fedeli, diplomata con un titolo triennale. Legittimo valutare gli studenti con quiz che trasformano la battaglia di Azio nella “battaglia di Anzio” o che i genitori aggrediscano gli insegnanti senza venir denunciati. Che il Ministero neghi i dati sul burn out e contra legem non faccia prevenzione, mentre faccia valutare i docenti da presidi mai formati o valutati e vieti gli scioperi più che nelle unità coronariche. Giacché per l’istruzione investono meno di noi solo Slovacchia, Romania e Bulgaria, con l’80% degli istituti fuori-norma sulla sicurezza e l’obbligo più basso d’Europa, si punta sul liceo scientifico a quattro anni e senza il latino. Un terzo degli insegnanti di sostegno non è specializzato. Il codice deontologico dell’istruzione pubblica è stato scritto da un cardinale. S’impedisce solo ai sindacati di base il diritto di assemblea durante le elezioni per la rappresentatività e s’impone a tutti i pensionati l’iscrizione ai sindacati di partito. Una riforma chiamata “Buona Scuola” demansiona abilitati per latino e greco a far supplenze nelle primarie, e destina un professore di matematica dove ne serve uno di lettere. I docenti sono relegati nel pubblico impiego ove gli “aumenti” contrattuali non possono superare l’inflazione “programmata”, retribuiti al livello più basso della Ue e la metà dei coreani. Così è stata distrutta la scuola.







altre categorie


Censura (2)

Colonialismo e Post-Colonialismo (16)

Condizioni Economiche (91)

Costituzioni (8)

Educazione Civica e Cittadinanza (71)

Globalizzazione (33)

Governo (70)

Ideologie Politiche (249)

Libertà Politica e Sicurezza (139)

ONG (Organizzazioni Non Governative) (7)

Pace (21)

Politiche Pubbliche (413)

Procedure Politiche (123)

Pubblica Amministrazione e Affari Pubblici (52)

Relazioni Industriali e di Lavoro (17)

Relazioni Internazionali (186)

Riferimento (3)

Saggi (118)

Storia e Teoria (68)

ENTRA E GUARDA LE NOSTRE VETRINE

ezPrice
€2,99
ezPrice
€8,99
ezPrice
€9,99
ezPrice
€4,99
ezPrice
€14,99
ezPrice
€13,99


SCOPRI LE FUNZIONALITA' DI EZPRESS


RICARICA

PREVIEW

RISPOSTE

REGALA

FUNZIONALITA' RISERVATE AGLI UTENTI REGISTRATI


EZCLOUD

SCRIVICI

ACCOUNT

EZCHECKOUT